HOW TO CHOOSE FUNCTIONAL SOCKS FOR SPORT

Solo in questi ultimi anni si nota negli sportivi una maggiore consapevolezza dell'importanza che ricopre l'utilizzo di calze appropriate durante la pratica del proprio sport preferito. In passato, la maggioranza degli sportivi non si poneva problemi di sorta e optava per il primo paio che trovava nel cassetto, sia che si accingesse a fare 10 km di corsa, che partisse per una escursione in montagna, piuttosto che per il Cammino di Santiago di Compostela.

In realtà le calze, sono il nostro "cuscinetto di confort" tra la pelle dei piedi, che subisce tutti gli attriti dovuti allo sfregamento, e le scarpe. Questo attrito viene ulteriormente accentuato dall'umidità generata dalla sudorazione e perciò molto importante è anche la capacità che avrà la calza di mantenere il più asciutta possibile la pelle del nostro piede, riducendo così al minimo la possibilità dell'insorgere di vesciche.

Al di là di queste considerazioni generali, diverse sono le caratteristiche specifiche che debbono avere le calze a seconda dello sport che si andrà a praticare. Entriamo quindi nel dettaglio, prendendo in considerazione i principali sport dove un mantenimento del confort ai piedi risulta essere una determinante per il divertimento stesso dello svolgimento.

LE CALZE PER IL RUNNING

TESTO

Molto importante è che calza da running sia priva di cuciture perché poterbbe favorire l'insorgere di irritazioni e generare una sorta di instabilità durante l'appoggio del piede. Le migliori calze tecniche vengono realizzate con l'ausilio di macchinari che, agevolati dall'utilizzo di moderni tessuti sintetici molto elastici e sottili, riescono a confezionare delle calze senza l'esistenza di fastidiose cuciture.

L'utilizzo del cotone, o di altri tessuti naturali, nelle calze da running è molto limitato; quando viene usato è sempre in abbinamento ad altri tessuti con caratteristiche più consone all'utilizzo preposto.

Questi tessuti sintetici, principalmente derivati dal poliammide e dal poliestere, conferiscono alla calza un'ottima resistenza, una buona traspirabilità e un ottimo spostamento della sudorazione verso l'esterno, tutte particolarità che vanno a vantaggio di un miglior confort generale.

La lavorazione che viene effettuata dai produttori viene definita "a struttura differenziata". Questo modo di realizzare le calze implica delle differenze di lavorazione del tessuto, atte a creare delle differenze di spessore, resistenza e morbidezza. Solitamente, sotto la pianta, sul tallone e sopra la punta del piede, il tessuto viene lavorato in maniera da creare un effetto "spugna".

Questo conferirà in quella zona un maggiore confort, oltreché rinforzo che migliorerà la durata. Alcuni produttori, per la zona della punta e tallone, utilizzano del tessuto propriamente diverso dal resto della calza che rispecchia, oltre alle caratteristiche prima descritte, anche dei requisiti "antishock" per migliorare ulteriormente il confort in queste due zone del piede più soggette ad attriti ed impatti durante la corsa.

In certi prodotti si possono notare anche delle lavorazioni laterali sulla caviglia che fungono da "canali di trasporto dell'umidità" verso l'esterno, con il risultato di migliorare ulteriormente l'effetto asciutto sulla pelle. Molta importanza riveste l'elasticità del tessuto, affinché la calza presenti una delicata aderenza, tale da far si che rimanga ben aderente al piede senza però costringere troppo. In questo senso bisognerà che non siano lunghe da arrivare a metà polpaccio, ma che si fermino un po' sotto e non abbiano un collarino elastico troppo stretto in quella zona che potrebbe ostacolare la circolazione sanguigna.

TESTO

Recentemente si è capita l'importanza di migliorare, o meglio stimolare la circolazione sanguigna, così da favorire l'ossigenazione dei muscoli della caviglia e del polpaccio. Per questo vengono prodotte delle speciali calze a "compressione graduata" lunghe fino a sotto il ginocchio. Certa è la loro efficacia nel favorire il recupero dopo un'attività intensa, ma ci sono atleti che la gradiscono e utilizzano anche durante la corsa.

TESTO

LE CALZE PER L'OUTDOOR - MONTAGNA E ALPINISMO

TESTO

Proprio come le scarpe, le calze indossate per uso escursionistico hanno un effetto significativo sul comfort della vostra giornata vissuta in montagna. Allora quali saranno le calze che faranno al caso vostro? Beh dipenderà dai tipi di gite che avete in programma, dalla stagione di utilizzo e dalle condizioni climatiche ed atmosferiche a cui andrete in contro. I modelli base per il trekking vengono realizzati per condizioni estive e semplici sentieri: questi puntano in particolare ad assorbire l'umidità generata con la sudorazione e ad ammorbidire lo stress da attrito ed impatto causato al piede durante le ore di cammino. Sono calze relativamente sottili, realizzate generalmente in materiali sintetici, o misti, con lavorazione a struttura differenziata, con della spugna sotto la pianta e dei rinforzi nelle zone di maggior attrito, come la punta e il tallone.Costruiti con questo sistema, ma con tessuti di consistenza superiore e maggiormente termici, sono invece prodotti i modelli per le stagioni intermedie, o addirittura fredde. La lunghezza può variare, infatti, a seconda del tipo di scarpe che si indosseranno sarà più opportuno sceglierne di corti, medi, o lunghi. Per corti non si intende che siano del modello "invisibile", perchè è opportuno che i malleoli vengano comunque sempre protetti, come anche almeno una parte di caviglia. Questi come si può intuire sono da utilizzare con le scarpe basse, ossia quelle che internazionalmente sono definite da walking, hiking, o trekking facile. Quelli di lunghezza media, che arrivano cioè a circa metà polpaccio sono le calze più adatte per l'estate e compatibili anche per l'utilizzo di pedule, o scarponcini dalle caratteristiche tecniche buone.

TESTO

Il differente spessore renderà questo tipo di calza più adatto a un clima estivo o fresco, oppure a scarpe basse, medie, piuttosto che pesanti. La calza da montagna lunga fino a sotto il ginocchio, d'estate viene impiegata ormai quasi esclusivamente per l'alpinismo d'alta quota, mentre diventa comoda durante il periodo invernale anche per delle semplici escursioni, indispensabile per le escursioni con le racchette da neve (ciaspole). Per la pratica alpinistica, dove l'alta quota offre anche in estate climi più freschi, se non addirittura freddi e dove si utilizzano scarponi strutturati, servono delle calze che godano di una buona coibentazione termica. Gli scarponi da alpinismo sono appunto più rigidi e duri, per questo servono degli spessori maggiori, con dei rinforzi maggiorati sul tallone e la punta, importanti per fare resistere di più la calza, ma anche per migliorare l'assorbimento degli sfregamenti tra scarpone e piede.

TESTO

- - - - -

FUNCTIONAL SOCKS DEPARTMENT

- - - - -

I MATERIALI

COTONE

delle calze composte al 100% di cotone non sono raccomandabili per fare escursioni. Il cotone è un tessuto molto assorbente, ma una volta assorbita la sudorazione viene trattenuta e non trasportata verso l'esterno come succede con molti materiali sintetici. Inoltre, da bagnato accentua l'attrito tra calza e piede, accentuando la possibilità dell'insorgere di vesciche. Tuttavia, il cotone è abbastanza confortevole e, quando combinato con lana o altre fibre isolanti, può essere una buona scelta per le escursioni estive.

LANA

è il materiale naturale storicamente più utilizzato per le calze da montagna. È calda in inverno e fresca d'estate e mantiene il calore quando è bagnata. Al tatto non risulta soffice e vellutata, quindi il contatto diretto sulla pelle può risultare fastidioso. Oggi esistono però trattamenti della lana e prodotti in lana merino che risultano molto confortevoli. Per realizzare le calze tecniche attualmente in commercio i produttori la miscelano quasi sempre con altri tessuti sintetici, in questo modo si coniugano insieme i vantaggi offerti dalla lana con quelli dei materiali sintetici che hanno una maggiore durata e più rapida asciugatura.

SETA

un isolante naturale, la seta è morbida e leggera, ma non è per nulla resistente. A livello sportivo viene ormai poco utilizzata, se non in qualche caso in combinazione con altri tessuti.

SINTETICI ISOLANTI

alcuni materiali artificiali sono progettati per isolare come, o anche meglio, della lana. Questi materiali (Hollofil®, Termolite®, Thermax®, Thermastat®, ecc..) riescono a catturare il calore come la lana, ma si asciugano più rapidamente e sono maggiormente resistenti all'abrasione.

SINTETICI TRASPIRANTI

i materiali sintetici orientati alla traspirazione (come per esempio polipropilene, CoolMax®, X-Static®), sono utilizzati quando si desidera favorire maggiormente la freschezza della pelle, quindi risultano ideali per climi caldi e camminate di lunga durata. Oltre all'utilizzo di filati specifici, le migliori aziende hanno recentemente introdotto l'utilizzo di spessori differenziati che creano dei canali d'aria dai quali l'umidità riesce ad evaporare ancora più velocemente.

TESTO

MATERIALI DI RIEMPIMENTO E RINFORZO

quasi tutte le calze da trekking, per aumentarne il comfort e la durata, offrono un'imbottitura extra intorno al tallone, la pianta del piede e la zona della punta. In certi casi questa viene ad essere generata dal tipo di lavorazione effettuata sul tessuto della calza stessa, in altri si tratta di un'aggiunta di tessuto con caratteristiche specifiche di assorbimento dell'impatto con le zone del piede più soggette a shock. Questo migliora di molto il confort di utilizzo, in particolare delle scarpe d'alpinismo, o quelle più dure e rigide.

TESTO

MATERIALI ELASTICI

chi più, chi meno, tutte le combinazioni di tessuto per le calze da trekking contengono una percentuale di fibra elastica derivata dal nylon (Lycra®). Questi materiali elastici, soprattutto applicati in punti strategici, favoriscono il mantenimento della forma originaria anche dopo un certo utilizzo, o dei ripetuti e fanno si che una volta indossati rimangano bene aderenti al piede evitando quindi che si possano avere delle fastidiose arricciature a svantaggio del confort.

TESTO

CONCLUSIONI

E' importante che le calze sportive in generale siano della misura appropriata e piuttosto che abbondanti che si arricciano nelle scarpe, meglio se sono un po' più strette, quindi perfettamente aderenti al piede.

Prima dell'acquisto fate bene le vostre valutazioni nelle scelta delle calze, senza farvi allettare da quelle troppo economiche, potreste rimanere delusi del risultato. Con tutta probabilità avranno problemi di durata, ma quel che è peggio, potrebbero trasformare le vostre escursioni da meravigliose giornate in mezzo alla natura in dolorosi calvari.

TESTO

Buona natura a tutti!

- - - - -

FUNCTIONAL SOCKS DEPARTMENT

- - - - -